Scalpo

Scalpo - foto di Travelmous
[ foto di Travelmous ]
Scalpo è un gioco di squadra basato sul movimento e sul contatto tra i partecipanti. Si gioca principalmente in uno spazio grande sia esso all'aperto o in una palestra.

Giocatori

I partecipanti sono divisi per squadre, possono partecipare da un minimo di tre giocatori ad un massimo di venti totali.

Strumenti

Non è necessario nessuno strumento particolare, per svolgere al meglio il gioco basta disegnare un quadrato per terra( cinque metri circa per ogni lato) con dei gessetti o creandolo con delle delimitazioni fisiche (bastoni stracci ecc) e dei fazzoletti da legare al braccio sinistro di ogni partecipante.

Regole

I giocatori, dopo essersi divisi a squadre e annodati il fazzoletto al braccio sinistro, si collocano fuori dalle estremità del quadrato in due file parallele disposte frontalmente una all'altra. Quando l'arbitro (colui che non gioca ma è addetto all'osservazione e all'enunciazione dei numeri) chiama un numero i due giocatori ad esso associati entrano all'interno del quadrato. Essi dovranno cercare di rubarsi il pezzo di stoffa stando con la mano sinistra ferma lungo il fianco e tentando il furto con la destra. Ogni fazzoletto rubato corrisponde ad un punto assegnato alla squadra di appartenenza del giocatore che ha sfilato il fazzoletto all'avversario. In caso entrambi i giocatori si sfilino il fazzoletto in contemporanea si procederà ad una patta del punteggio (un punto ognuno o zero punti).Vince chi totalizza il punteggio migliore.

Punteggio

Ad ogni fazzoletto rubato dal braccio dell'avversario si assegna un punto.

Scopo

Lo scopo del gioco è riuscire a prendere il fazzoletto dell'altro giocatore senza farsi sfilare il proprio.

Storia

La sua origine si deduce sia posta nei campi di scout dove i “giovani lupetti” giocavano a rubarsi il loro caratteristico foulard.