Cornhole

Cornhole - foto di mcoulspub
[ foto di mcoulspub ]
Cornhole è un gioco che riunisce abilità, precisione e coordinazione. Il suo significato è letteralmente "buco di cereale"derivante dai sacchetti di stoffa riempiti di mais utilizzati per giocare.

Giocatori

Il numero di giocatori varia da un minimo di due ad un massimo di quattro se si gioca a squadre (due concorrenti per squadra).

Strumenti

Per giocare a cornhole è necessaria una piattaforma di compensato o qualsiasi altro materiale con al centro un buco. Inoltre sono indispensabili i sacchettini di stoffa con all'interno il mais. Essi sono quasi impossibili da trovare in commercio, è bene quindi che vengano prodotti mettendo nella stoffa del mais e poi richiudendo i sacchettini con ago e filo.

Regole

Le regole di questo gioco sono molto semplici. Si disegna una riga a terra (sia essa disegnata con il gesso, incisa nella terra, creata con un'asse di legno o degli stracci) e si posiziona la piattaforma ad una distanza variabile dai 5 metri (per i meno abili) fino ad un massimo di 20 metri.I giocatori a turno lanciano da dietro la linea il loro sacchetto di mais (otto sacchetti in totale, quattro per ogni giocatore o squadra) cercando di fare centro nella buca sulla piattaforma. Vince colui o la squadra che arriva per prima a 21 punti.

Punteggio

Il punteggio viene assegnato ad uno solo dei due giocatori (o squadre) per principio di differenza. Il punteggio che garantisce la vittoria è 21. Ogni sacchetto di mais che viene messo in buca ha un valore di 3 punti. Quello che rimangono sulla piattaforma valgono invece 1 punto.

Scopo

Lo scopo del gioco è "imbucare" più sacchetti possibili e raggiungere il punteggio di 21.

Storia

Il gioco ha origine in Germania nel 1325 quando un nobile osservando dei bambini che lanciavano pietre in una buca pensò di sostituire i sassi con dei dischetti riempiti di chicchi di grano rendendo il gioco meno pericoloso. Il gioco apparve poi anche in America grazie a degli immigrati tedeschi che lo riproposero mettendo il mais anzichè il grano